Come aprire una partita IVA

Quali sono gli step da seguire per aprire una partita IVA? Quali sono i primi adempimenti e le prime decisioni da prendere? Gli imprenditori individuali e i lavoratori autonomi sono le due macro-categorie chiamate trovare una risposta a queste domande.

SEI GIÀ UN CLIENTE CSF?

Accedi all’area riservata

ACCEDI

CHIEDI UN INCONTRO

Prendi un appuntamento con un consulente CSF

PRENOTA ORA

Il primo gruppo comprende gli artigiani, come falegnami, muratori, gelatai, imbianchini, idraulici, giardinieri, cuochi, restauratori; e i commercianti ovvero coloro che acquistano le merci per la vendita la dettaglio o grossista e chi ricopre la funzione di intermediario commerciale come gli agenti di commercio. Al secondo gruppo, invece, appartengono i lavoratori autonomi; si tratta di professionisti iscritti ad un Ordine come gli avvocati, i medici, i notai, i geometri oppure coloro che non sono iscritti ad un albo specifico come i consulenti e le nuove professioni in ambito creativo.

Gli step da seguire per aprire una partita IVA

La categoria di lavoratori interessata a questo argomento è molto folta e le fasi da seguire riguardano l’apertura, con le relative decisioni da prendere e la fase di gestione, regolata dalle dichiarazioni contenute nella documentazione consegnata all’Agenzia delle Entrate. Gli adempimenti da ottemperare per aprire una partita IVA sono i seguenti:

• compilare il modulo
• scegliere il codice di attività e il regime fiscale
• predisporre i registri contabili (se obbligatori)
• gestire i propri contributi previdenziali
• aprire la PEC (se obbligatori)
• iscriversi alla CCIAA competente
• aprire la posizione INAIL (se obbligatoria)
• comunicare al Comune l’inizio dell’attività (SCIA), anche in questo caso, se obbligatoria.

Vediamo nello specifico le singole attività.

Compilare il modulo per richiedere l’attivazione della partita IVA

Il primo step riguarda la compilazione del modello con il quale si comunica l’esistenza della propria attività all’Agenzia delle Entrate. Tale modello deve essere presentato entro 30 giorni dall’inizio della stessa.
Ma quale modello scegliere? La documentazione da presentare varia in base alla veste giuridica del richiedente: quale tipologia di attività eseguirete?
Agli imprenditori e ai professionisti verrà richiesta la compilazione di un modulo mentre ai soggetti che non possono essere classificati come persone fisiche, come ad esempio enti, società e associazioni, verrà richiesta la compilazione di un altro modello. Alla dichiarazione di inizio attività, seguirà il rilascio del numero di partita IVA.

Scegliere il codice di attività e il regime fiscale

Lo step due riguarda la scelta del codice ATECO di appartenenza che determina:

• i parametri con i quali confrontare i ricavi annui per i contribuenti il minimo oppure il coefficiente di redditività per i forfettari
• il regime contributivo INPS

Il codice ATECO, dunque è fondamentale perché classifica l’attività economica in base ad una scala di 5 livelli e relativi gradi di approfondimento, molto utili per inquadrare la propria tipologia di attività.
Il regime fiscale di appartenenza è un altro punto importante. Ogni tipologia specifica di regime è determinata e determina una serie di adempimenti e limiti che è bene considerare.
Dunque, presentato il modulo all’agenzia delle Entrate e ricevuto il numero di partita IVA, il professionista può iniziare la sua attività lavorativa.

Gestire i propri contributi previdenziali

Una tema molto importante quando si parla di lavoro autonomo è la necessità di versare i contributi previdenziali.

Coloro che aprono la partita IVA devono inscriversi alla gestione separata/commercianti/artigiani dell’INPS per gestire i propri contributi previdenziali oppure alla cassa previdenziale corrispondente all’albo professionale di appartenenza.

Aprire la PEC

La PEC non è altro che un servizio di corrispondenza digitale (simile ad un sistema di invio e recezione mail) che consente di inoltrare comunicazione con maggiore sicurezza; a questo si aggiunge il valore legale che una comunicazione acquisisce se la mail mittente è una pec.
La Posta Elettronica Certificata (PEC) sarà richiesta, ad esempio, all’atto di costituzione di una società oppure all’iscrizione presso il Registro delle Imprese mentre ne sarai già dotato se iscritto ad un Albo in quanto lavoratore autonomo.

Perché aprire la partita IVA con CSF Milano

Per rispondere alla domanda come aprire una partita IVA è molto importante partire dalla compilazione della domanda. Tuttavia, scrivere non basta: i campi da riempire delineano la professione, il professionista e determino gli oneri di gestione che ne seguiranno. Le attività elencate sono indispensabili e determinanti ma è bene sottolineare come gli adempimenti varino in base alla tipologia di lavoro, al settore di appartenenza, al regime tributario. Una serie di risposte che è bene trovare con un consulente esperto e qualificato che sia in grado di guidarti nella compilazione della domanda e consigliarti al meglio.

Chiedi una consulenza ad un esperto CSF Milano. Chiedi un appuntamento con un consulente CSF telefonando al numero 02.540.214.48 /41 /42 oppure manda un e-mail a partitaiva.csf@cgil.milano.it.

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA?
Prenota un appuntamento!

Dal blog

Agevolazioni sulla Casa: primo acquisto e ristrutturazioni

0

Sei aggiornato sul bonus casa 2018? La Legge di Bilancio 2018 conferma alcune facilitazioni per nuovi acquisti di immobili, per chi ristruttura casa, per interventi di risparmio energetico o per operazioni antisismiche. Fra le molte detrazioni previste, oggi ci dedichiamo a due diverse agevolazioni. La prima è rivolta a favorire l’acquisto della prima casa. La seconda è prevista per chi vuole ristrutturare immobili.

Vediamo insieme di cosa si tratta.

Agevolazioni

 more

Super ammortamento: scarica il 140% dei tuoi costi

0

Sei un libero professionista con Partita Iva o un imprenditore? Worx ti ricorda che hai ancora tempo fino al 31 Dicembre 2016 per approfittare del super ammortamento introdotto dalla Legge di Stabilità 2016.  Fino a questa data potrai scaricare il 140% dei costi sostenuti per l’acquisto di nuove attrezzature e strumenti necessari per la tua professione.

Pc_140%

 more